Banche: Utili privati ma perdite pubbliche

Mercoledì, 21 Dicembre, 2016

Salvataggio banche. 
Giusto proteggere e salvaguardare risparmiatori e correntisti ma:
1) perché le Banche hanno utilizzato in modo disinvolto e speculativo i risparmi dei propri clienti senza che nessuno vigilasse? Certo non rischiano di fallire per qualche piccolo prestito a famiglie e imprese. 
2) se lo Stato mette i soldi dei cittadini per salvare le Banche allora molto semplicemente queste banche debbono diventare pubbliche.
Non si può far passare l'idea che gli utili sono privati ma le perdite sono pubbliche!
3) si riformi completamente il protocollo di Basilea e i parametri dei famosi stress test. Le banche tornino a fare le banche ovvero ad utilizzare i risparmi per sostenere famiglie e imprese italiane. Fin quando l'hanno fatto non hanno avuto problemi. Gli italiani si sono comprati la casa con il mutuo e fino all'entrata del nostro Paese nel girone infernale dell'EuroZona hanno sempre ripagato, fino all'ultimo centesimo. 
L'Economia non è il gioco dei più furbi che sfruttando il lavoro e i sacrifici altrui si arricchiscono premendo dei tasti su un computer, ma è il frutto dell'impegno di tutti secondo le proprie inclinazioni, ambizioni e talenti per la crescita della Comunità. 
Punto.