Salvini manda a scuola i nuovi leghisti

Lunedì, 6 Luglio, 2015
Salvini

Il Tempo.it  Daniele Di Mario - A ottobre parte l’"università" del Carroccio e della lista civica di Matteo. Sei eventi sia a Roma che a Milano riservati a simpatizzanti e attivisti. Nasce la scuola di formazione politica di Matteo Salvini. Un format per far sì che il verbo e il programma del segretario del Carroccio vengano veicolati in modo adeguato.

Il responsabile della scuola è Armando Siri, economista, teorizzatore della Flat Tax e responsabile Economia e Formazione di Noi con Salvini, il movimento creato dal leader leghista per lo sbarco al Sud. La scuola di formazione però non sarà aperta solo agli adepti di Noi con Salvini, ma anche agli iscritti della Lega. L’anno 2015-2016 sarà articolato in sei appuntamenti e si svolgerà sia a Roma nella centralissima via del Babuino sia a Milano. Si partirà l’11 ottobre nella Capitale con l’inaugurazione alla quale parteciperà anche Salvini e con il primo seminario «Nascita ed evoluzione dello Stato moderno». L’8 novembre sarà la voltade «I rapporti dell’Italia con l’Ue», mentre il 13 dicembre l’evento formativo riguarderà «Enti locali e sistemi elettorali». Si riprenderà quindi dopo le festività natalizie, il 24 gennaio con «Principi di funzionamento dell’economia», mentre il 21 febbraio ci sarà il seminario su «Fisco e lavoro». Conclusione il 20 marzo con un evento formativo monografico su «Comunicazione esterna e relazioni con gli organi di stampa» e con la consegna degli attestati che i partecipanti riceveranno direttamente dalle mani di Salvini. Gil stessi eventi formativi verranno replicati a Milano con le seguenti date: 25 ttobre, 22 novembre, 10 gennaio 2016, 7 febbraio, 6 marzo e 3 aprile.

Il costo della scuola è definito «politico»: 590 euro. E i posti a disposizione sono limitati: 300. Quasi tutti esauriti, per altro. L’età media degli iscritti è 22 anni, tra loro tantissimi studenti alcuni dei quali minorenni. Ma non mancano professionisti, avvocati, medici. Per iscriversi non basta pagare la quota: bisogna compilare un questionario e il giudizio sull’ammissione è discrezionale e insindacabile. Tra i docenti ci saranno parlamentari, amministratori locali, docenti universitari, giornalisti e rappresentanti delle categorie economiche e sociali. Non mancheranno - assicura Siri - relatori stranieri, saranno principalmente politici ed economisti.

«L’idea di fondo - spiega Siri - è fornire lezioni strutturate. Non si tratta della solita scuola di formazione di uno, due giorni, ma di un ciclo di eventi formativi riservato a simpatizzanti e attivisti. Una scuola rivolta a chi vuole avere una maggiore cultura politica e una formazione istituzionale. L’obiettivo è arrivare a una strutturazione del messaggio politico per essere in grado di veicolare in modo adeguato il programma di Salvini. Anche per questo la scuola è patrocinata sia da Noi con Salvini che dalla Lega Nord e si svolge sia a Roma che a Milano, anche per agevolare la partecipazione da ogni parte d’Italia». Con orgoglio Siri conferma che, pur essendo la scuola «a numero chiuso», i 300 posti a disposizione dopo una settimana dall’apertura delle iscrizioni «sono quasi tutti esauriti».

La Scuola di formazione politica - informa il sito www.scuoladiformazionepolitica.it- «è un’iniziativa nata per chi intende arricchire le proprie conoscenze politiche e istituzionali anche partecipando al progetto politico di Matteo Salvini». Per questo motivo l’offerta formativa mira a trasmettere in modo approfondito e articolato i contenuti del progetto e la conoscenza basilare del nostro sistema politico, ammministrativo, economico e sociale.

Il ciclo di formazione si compone di un totale di sei giornate, ciascuna dedicata a un argomento principale declinato in lezioni di uno o due ore ciascuna e arricchite da momenti di confronto con ospiti d’eccezione. Gli eventi formativi, comprensivi di lezioni e agorà, cioè il confronto finale con tesi a confronto si svolgeranno dalle 10 alle 18.30.

«I cittadini - conclude Siri - chiedono una classe politica competente e il nostro obiettivo è costuire attorno alla Lega e a Noi con Salvini, una grande comunità».

(fonte: Il Tempo.it  Daniele Di Mario)